About Giulio Salis

@eoliloqui

Metto per iscritto alcuni pensieri.

Articles by Giulio Salis
Feb 10, 2022

Andando a scuola replicavo il clichè Che mi voleva il più distratto il più poeta e scarso a calcio E avevo una smania di amore che consumavo in chilometri di lettere e di porno gratis sul web Sulla schiena una scimmia da drogato, sotto casa una bimba in pianto e nelle cuffie punk anni '90. Il non aver mai rinunciato alla polemica ed al peccato più passa il tempo più ti fa nostalgico Casini a casa ed i compiti come scusa per guardarti ridere ancora prima che passi la co...

Feb 10, 2022

Canzoniere 2022 <ul> <li> La mia stanza </li> </ul> 2021 <ul> <li> Cancìon de El Pulpo </li> <li> La ruota panoramica </li> <li> Non c'è più </li> </ul> 2020 <ul> <li> Canzone su un tema di Vanni </li

Feb 10, 2022

In ritardo di rito nella sera i racconti soliti pretendono la scena con soluzioni fragili erette a bandiera da contrapporre al ricordo bruciante della gioventù. Insetti attendon sulla zanzariera i racconti stupidi o l'ennesima chimera che ci vuole indomiti inscenare quella resa nella replica abituale topica della gioventù. Per quanti pesci con fondali da grattare quanti tori con corride da sfangare dio non c'è, se c'è non appare, ma io ho te e tu hai me. M'ha voluto il seg...

Feb 10, 2022

Eccoci mio vecchio amico, E' una serata qualunque d'ottobre, nella merda sta scavando il lombrico come nei pensieri stan facendo le ore. Sul pianoforte ho le mani vuote e stretta in gola una canzone in pensione. Dammi d'accendere che non sorga il sole. Voglio fumare dove fa più male, sentire dentro la morte che sale tutto l'effimero di questo piacere. Poi certo saperlo per tempo che non c'era tempo per prendersi tempo, c'avrebbe risparmiato, tu credi, i lamenti violenti,...

Feb 10, 2022

Alle cinque della sera l'aria inizia una preghiera che va sù verso cieli incolore nel bicchiere il malumore a tu per tu nell'invidia dei gitanti la fame sacra dei briganti non c'è più Mentre invecchio sui miei santi compiti fatti il cuore avanti non c'è più A ragionare e farti i conti a sfasciare o fare ponti scende giù nella terra spessa esausta l'ansia usuale di rivalsa e poi sei tu che mi chiedi di fiorire se il nostro ingenuo non capire non c'è più Consumata nel ...

Feb 10, 2022

Mario mi ha detto un giorno su in paese non si respira l'aria che tira tutto intorno è calma come una malattia che si è portata via mio nonno sai come un padre io da quel giorno ad ogni sasso me lo ricordo e mi sento triste e solo contro il mondo che gira la sua ruota panoramica con poca grazia pochi giochi trucchi di dinamica nelle narici oltre il mare sento l'Africa lontana e povera in un oceano di plastica Rita non si ricorda che quando m'ha dato il primo bacio m...

Feb 10, 2022

La mia stanza non è una stanza d'artista piena di disordine creativo di ispirazioni per la vista La mia stanza è più un asilo per bene di cui sento le catene stringersi alla vita sino a che non comincio a perdermi anche se il rischio è poi perderti La mia stanza che si inghiotte da sola immersa in demoni fasulli che mi scompiglian le lenzuola La mia stanza dei pagani e sigarette La mia stanza è un pianoforte inchiodato alla parete sino a che non comincio a perdermi ma è qua...

Feb 10, 2022

Masun affetta più buono il suo kebab per chi viene da lontano e ha lungo il volto i solchi del mondo sopra gli occhi un sonno profondo Que lindo dia para hacer un asado Que lindo dia para hacer un asado La notte ci inghiotte fratelli cerchiamo di farla scoppiare di migranti dalle foci del mondo di lingue a cui si dovrà abituare Que lindo dia para hacer un asado Que lindo dia para hacer un asado Argentina portata con me in questa pianura piccolina di orizzonti veri e p...

Feb 10, 2022

L'acqua passa sotto il ponte senza requie. Là vive un acquaiolo. Arriva l'uomo pieno di sete. L'acquaiolo gli domanda: - Quanta sete hai uomo? - Non bevo da molti anni. Risponde l'uomo. - Come mai? - Ero lontano dal fiume. - Dove? - Nel mondo. - Non c'era acqua nel mondo? - Sì ce n'era ma non era buona come quella del fiume. Ne ho bevuta. E mi sembrava mi fosse passata la sete. Poi oggi vagabondavo qua vicino ed ho sentito il suono familiare del fiume. Di colpo mi è tornat...

Feb 10, 2022

Spumeggiavano biondi pascoli sui suoi capelli Che peccati lontani che avevamo da rimuginare Infine estasi inconsapevoli Cose di siffatta risma smarrite nel turbinio incolore di approssimativi anni smorti Forse si è sposata o spostata probabilmente mi ha detto in faccia alla birra che si svuotava consuetamente. Per il troppo vociare Penelope bianca mano dal piano superiore ha svuotato anch'essa una secchiata d'acqua sulle spalle delle nostre giacche. luglio 2021

Feb 10, 2022

Su in macchina al volante che accanto siede uno sedeva insomma che non ricordo uno col suo capo dondolante e la saliva degli assonnati colante su cintura e giubotto Al volante e dal finestrino campagne che ho già visto mille altre volte con occhi migliori occhi più sicuri più desiderosi più affamati di porti per brigantini da rapina popolati da ciurme senza nome uomini avvezzi alla baldoria alla rovina all'amore delle isole solitarie e beate Mi ricordo o mi c...

Feb 10, 2022

L'altro giorno mi è venuta in mente l'idea di ricercare archetipi orrorifici. Cosa un poco pretenziosa certamente, perchè abitualmente non pratico nessun genere di narrativa horror o simili. Anche da un altro punto di vista la cosa può sembrare stupida. Cioè se ci si confronta col carattere positivo della tarologia. Non so cosa ci sia di positivo in certe mostruosità. Prendo comunque qualche appunto per non perdere le idee che mi sono saltate alla mente. Se qualche illustratore vi mettesse mano s...

Feb 10, 2022

In un grande regno un conte, vassallo fedele del re, è signore delle proprie terre che amministra secondo giustizia. Dagli spalti del suo castello può vedere, a poche miglia di distanza le contee limitrofe, con le quali è in un rapporto pacifico. Sa che queste sono governate col soppruso, con ruberie, stupri e vessazione dei sudditi. Alle volte, alcuni di questi arrivano nella sua contea, scappando da quella dove son nati. Allora il nobile del quale questi son sudditi domanda al Conte se questi d...

Feb 10, 2022

C'è una piramide a gradoni. Davanti a questa piramide stanno degli uomini che vogliono salire. Alcuni di questi dicono di conoscere come salire e d'essere amici degli altri. Dicono pertanto che aiuteranno gli altri a salire. Ci si attende così che salito il primo gradino, uno di questi tenda la mano affinchè un altro più agilmente possa portarsi anch'egli sul gradino; o nella migliore delle ipotesi che arrivati in cima, od in un gradino comunque piuttosto alto, ancorino da qualche parte una corda...

Showing all 14 articles