La ruota panoramica

Mario mi ha detto un giorno
su in paese non si respira
l'aria che tira tutto intorno
è calma come una malattia
che si è portata via mio nonno
sai come un padre io da quel giorno
ad ogni sasso me lo ricordo
e mi sento triste e solo contro il mondo
che gira la sua ruota panoramica
con poca grazia pochi giochi trucchi di dinamica
nelle narici oltre il mare sento l'Africa
lontana e povera in un oceano di plastica

Rita non si ricorda
che quando m'ha dato il primo bacio
m'ha guardato negli occhi mi ha detto
meglio di te chiunque altro
e sarà stata colpa del fiato
delle mani che avevo allungato
del fatto che fossi arrivato
solo sulla ruota panoramica
che sarà il whiskey le paste fresche sembra domenica
da lassù amore vedi anche la discarica
e la tristezza del Natale se poi non nevica

Finchè tieni aperto il locale
alle tre di notte ci dovrai spazzare
via sulla strada pieni di ricordi
di battute idiote di ansie ingorde
di idolatrie generazionali
di smargiassate da fanfaroni
di passeggiate nell'oscurità
di pensieri alle luci del centro città
che brilla con la sua ruota panoramica
se saliremo se ci ameremo sarà romantica
tesoro hai freddo ti dò la giacca che il freddo mastica
ma guida tu io sono sbronzo e non ho pratica

gennaio 2022

Written By
Giulio Salis

Metto per iscritto alcuni pensieri.